Brignole, Città metropolitana e Atp battezzano il Terminal Terrestre ‘Remigio Zaninetta’

Notizie metropolitane Genova: Brignole, Città metropolitana e Atp battezzano il Terminal Terrestre ‘Remigio Zaninetta’

Nuovo layout per l’area antistante la stazione ferroviaria genovese, che diventerà il terminal unico, ordinato, funzionale e dotato di servizi, di tutti i bus extraurbani dell’azienda di trasporto pubblico metropolitana, con intitolazione al compianto dirigente che per primo lanciò l’idea negli anni ’90. Garbarino: “Verso un Pums metropolitano in armonia col Comune capoluogo”

Terminal Terrestre Atp Caviglia Brignole Layout DettaglioIntegrazione: è in nome di questa parola d’ordine, più volte lanciata in tema di trasporto pubblico da Marco Bucci, sindaco del Comune e della Città Metropolitana di Genova, che il consigliere metropolitano delegato ai trasporti Claudio Garbarino presenta oggi insieme ad Atp Esercizio il progetto del Terminal Terrestre Atp Remigio Zaninetta di viale Caviglia a Genova Brignole (qui la planimetria completa: Atp Terminal Terrestre Caviglia Brignole), un hub unitario dei bus Atp provenienti da tutti i diversi quadranti del territorio metropolitano che permetterà ai passeggeri di qualsiasi corriera di ritrovarsi con un unico capolinea perfettamente organizzato nel pieno centro di Genova e di poter agevolmente cambiare vettore, usufruendo al massimo delle possibilità di interscambio raccomandate dai più aggiornati principi dell’urban mobility management: a pochi metri da viale Caviglia, infatti, si trovano la stazione ferroviaria di Genova Brignole, i capolinea e le fermate di molti mezzi urbani Amt, la principale stazione cittadina di sosta dei taxi e il Volabus diretto all’aeroporto internazionale Cristoforo Colombo.

Il Terminal Terrestre Remigio Zaninetta sarà organizzato e regolamentato in modo che l’intera area sia a completa disposizione dei viaggiatori: le corriere sosteranno nelle varie fermate suddivise per provenienza/destinazione, come segnalato da apposite paline informative con orari e coincidenze. I mezzi entreranno da viale Thaon di Revel o da via Cadorna, a seconda delle linee. Nell’area del terminal verrà anche creato un locale di servizio, e l’area sarà illuminata nelle ore notturne in modo da migliorare la sicurezza nella zona dei giardini di Brignole. I parcheggi per i motocicli attualmente disegnati in via Caviglia saranno spostati in piazza della Vittoria e non si perderà neppure uno stallo per le moto, anzi i posti moto potrebbero aumentare.

“L’ordine e la razionalizzazione degli spazi urbani ma anche la sicurezza – sottolinea Garbarino – sono stati fra i principali fattori che hanno ispirato questa rivoluzione nella mobilità urbana, promossa da Città metropolitana che ne ha affidato l’esecuzione tecnica al management della controllata Atp Esercizio. Fino ad oggi infatti i capolinea di Atp erano frammentati in diverse aree del centro città, distanti dalla stazione Brignole e ad essa mal collegati, inoltre quello di viale Caviglia funzionava in commistione con alcuni parcheggi liberi per moto e motocicli,  una situazione non più sostenibile perché rappresentava un pericolo per l’incolumità degli utenti“.

Un altro aspetto fondamentale dell’operazione è il suo inserimento in una prospettiva più ampia: “Il Terminal Terrestre Remigio Zaninetta – aggiunge infatti Garbarino – è il primo passo in vista di un Piano di Mobilità Sostenibile Metropolitana, sul modello del Pums del Comune di Genova. In una vera prospettiva di integrazione, infatti, la mobilità va vista in senso più ampio, tenendo conto anche delle esigenze dei pendolari che dall’entroterra e dalle Riviere raggiungono il capouogo o dei genovesi che si spostano per lavoro nel territorio metropolitano. Per questo siamo pronti a collaborare con chi attualmente sta disegnando il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile di Genova”.

Il Terminal Terrestre sarà intitolato a Remigio Zanintetta, storico dirigente delle aziende genovesi di trasporto pubblico, prima, negli anni ’70-’80 responsabile del servizio extraurbano di Amt, in seguito in Ali. “La scelta dell’intitolazione a Remigio – spiega Garbarino – è un omaggio a una figura rimasta nella memoria di chi lo conobbe per la passione, l’entusiasmo e l’umanità che metteva nel lavoro, qualità che lo resero molto amato dai dipendenti delle aziende che diresse. Zaninetta fu il primo già negli anni ’90 ad avere l’idea di realizzare in viale Caviglia un Terminal terrestre per i mezzi di trasporto extraurabano, e quindi era doverso dedicare a lui quest’opera”.

“Il nostro scopo – dichiara invece Enzo Sivori, presidente di Atp Esercizio – è dare finalmente un servizio adeguato a tutti i nostri clienti, puntando sulla creazione di un unico capolinea, dove le persone potranno arrivare e partite con la possibilità di avere a disposizione partenze per tutta la provincia di Genova, ma anche, a due passi, il treno, i mezzi urbani di Amt e i taxi. E’ l’uovo di Colombo, ma fino a oggi non era stato possibile concretizzare quello che è prima di tutto un progetto di buon senso. Grazie alla piena sintonia con Città Metropolitana e Comune di Genova, l’obiettivo verrà raggiunto”.

Atp Esercizio, con una rete di 1465 chilometri di strade urbane, ordinarie, rurali e autostrade, 159 linee, 263 bus in servizio, 85 Comuni serviti per una popolazione di circa 854.000 abitanti, rappresenta ormai un punto di riferimento fondamentale per il trasporto pubblico: “Stiamo attuando un piano dei trasporti pubblici – ricorda Sivori – in piena sintonia con la filosofia espressa in varie occasioni dal sindaco metropolitano Marco Bucci. Vogliamo migliorare l’offerta di Atp, creare una vera integrazione, mettere a disposizione servizi adeguati e nuovi. Il Terminal Terrestre Remigio Zaninetta è un esempio concreto di come intendiamo il trasporto pubblico. Vogliamo incentivare l’uso dei mezzi offrendo sempre qualcosa di meglio, non a parole, ma con i fatti”.

Fonte: Notizie Metropolitane Genova

I commenti sono chiusi.