Primo Levi, Elisabetta Pozzi e la prima di “Alda Diario di una diversa” con Milvia Marigliano

<!–

<!–

<!–

Image

<!–

<!–

Alla Corte la quarta Lezione di Storia:
Primo Levi e la questione ebraica

<!–

<!–

<!–

<!–

La quarta Lezione di Storia, in collaborazione con gli Editori Laterza è fissata per domenica 21 ottobre ore 11 al Teatro della Corte e ha per titolo: Ebrei, sionisti e partigiani. L’appuntamento è con Anna Foa, docente di Storia Moderna all’Università La Sapienza di Roma, che prende spunto dal romanzo di Primo Levi Se non ora, quando? per analizzare e comprendere meglio il Novecento e la cosiddetta questione ebraica.

<!–

<!–

Al Duse la prima nazionale di “Alda Diario di una diversa”
con Milvia Marigliano

<!–

<!–

 

Milvia Marigliano (ph Federico                                  Pitto)

<!–

<!–

Mercoledì 24 ottobre debutta in Prima Nazionale al Teatro Duse, Alda diario di una diversa diretto da Giorgio Gallione, con Milvia Marigliano nei panni di Alda Merini e con cinque danzatori.

Basandosi sulla vita e gli scritti di una delle più significative poetesse italiane, lo spettacolo di Giorgio Gallione spazia all’interno dell’opera della Merini, intrecciando materiali narrativi e biografici a poesie, aforismi, canzoni, mescolando i linguaggi di teatro e danza per esplorare il legame tra poesia e follia.

Venerdì 19 ottobre, nel foyer della Corte alle ore 17, avrà luogo un incontro con Giorgio Gallione e la Compagnia. Conduce Paolo Borio. L’ingresso è libero.

<!–

<!–

Al Modena “Una bestia sulla luna” con Elisabetta Pozzi

<!–

<!–

<!–

<!–

Da martedì 23 a venerdì 26 ottobre, al Teatro Modena va in scena Una bestia sulla luna di Richard Kalinoski con Elisabetta Pozzi.

La storia di due armeni in fuga che si sposano per procura e della loro complicata vita familiare fra ricordi dolorosi del passato e speranze di un futuro negli Stati Uniti. Uno spettacolo pluripremiato e acclamato in tutta Europa: un testo struggente, ambientato in uno dei momenti storici più oscuri e forse trascurati del secolo scorso, quella del genocidio armeno.

Alla Sala Mercato “Pezzo di plastica”

di Marius von Mayenburg

<!–

<!–

<!–

<!–

Da martedì 23 a sabato 27 ottobre alla Sala Mercato va in scena Pezzo di plastica di Marius von Mayenburg, autore cult della nuova drammaturgia, diretto da Simone Toni.

Ritratto di una famiglia borghese in crisi: la moglie è assistente di uno stralunato artista concettuale esaurito. Il marito è un medico depresso che si candida volontario in una regione colpita dall’ebola. Il figlio, un adolescente voyerista compulsivo che si veste da femmina. L’arrivo della nuova colf, scatena un gioco perverso fatto di vessazioni e violenze psicologiche per una black comedy in stile American Beauty

<!–

<!–

Acquisti on line su:

<!–

<!–

<!–

<!–

 

Il Teatro Nazionale di Genova rispetta la tua privacy. Tutti i dati presenti nella nostra mailing list sono stati raccolti e vengono conservati nel rispetto del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR). Il titolare del trattamento è il Teatro Stabile di Genova. Per qualsiasi informazione sul trattamento dei tuoi dati, per comunicarci delle modifiche o per essere rimosso dalla mailing list puoi contattarci scrivendo a info@teatronazionalegenova.itPer essere rimosso in maniera automatica clicca sul tasto UNSUBSCRIBE o DISISCRIVITI in fondo a questa pagina.

<!–

<!–

 

<!–

<!–

<!–

<!–

Questo testo viene mostrato quando                                l'immagine è bloccata

<!–

<!–

Palazzo Ducale
Dal 17 ottobre 2018, ore 17.45 La ricerca della felicità
ciclo di incontri a cura di Francesca Romana Recchia Luciani
e Simone Ragazzoni
Dal 19 ottobre 2018 Paganini Rockstar, la mostra
Appartamento del Doge, fino al 10 marzo 2019
> Scopri di più

<!–

<!–

Media partner

<!–

<!–

<!–

<!–

 

Image

<!–

<!–

<!–

<!–

<!–

<!–

<!–

<!–

Di Staff_ReteGenova

Vedi anche

Dialogo interreligioso: presentazione del volume “La vita e il messaggio di Charles de Foucauld”

Arcidiocesi: Dialogo interreligioso: presentazione del volume “La vita e il messaggio di Charles de Foucauld” …