Due spettacoli fuori stagione da non perdere

Newsletter

VEN 22 marzo ore 21.00 | DIMMI IN QUALE PARTE DEL CORPO CI INCONTRIAMO
testo e regia Alessandro Campanile | con Cesare Fabiano e Margherita Sirello

LEGGI SCHEDA

 

Amici Urticanti,

dopo il grande successo di pubblico dello spettacolo del gruppo teatrale Stranità, che ha visto più di 1200 spettatori per le quattro repliche dello scorso fine settimana al Teatro della Tosse, continua la stagione del Teatro dell’Ortica con un doppio appuntamento per il prossimo fine settimana. Venerdì 22 marzo, alle ore 21, presso la sala di via Allende 48 arriva “Dimmi in quale parte del corpo ci incontriamo”, tratto dal testo, e con la regia, di Alessandro Campanile, con Cesare Fabiano e Margherita Sirello: tratto da una storia realmente accaduta, lo spettacolo racconta dell’incontro tra un uomo ed una donna, che cercano di scoprire l’identità uno dell’altra, dibattendo, e talvolta scontrandosi, attorno al significato della fantasia e al suo valore salvifico.

 

Sabato 23, sempre alle ore 21, sul palco del Teatro dell’Ortica torna il duo composto da Gino Versetti e Alessandro Mancuso, con il loro “Uomini e Condòmini”: uno spettacolo composto da una serie di brevi brani teatrali comici, tra dialogo, monologhi e canzoni, legati tra loro a scambi di battute surreali tra i due interpreti e da passaggi da una tematica all’altra fatti a volte in modo aperto, a volte in modi bizzarri e imprevedibili. I due attori in scena interpretano differenti personaggi coinvolti in rapide situazioni grottesche ed esilaranti, nelle quali si muovono giocando sugli scambi rapidi di battute in cui la logica si scontra con l’assurdità, lo straniamento con il paradosso.

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

SAB 23 marzo ore 21.00 |UOMINI E CONDOMINI
di e con Gino Versetti e Alessandro Mancuso

LEGGI SCHEDA

EATRO DELL’ORTICA
Associazione di Promozione Sociale ONLUS
via S. Allende 48, 16138 GENOVA
CF / PI 02303470997
tel. 010 8380120

Related Images:

I commenti sono chiusi.