28 lug REALEAR A BONASSOLA – NUOVE TERRE. Le Arti della Scena

Con la rassegna Nuove Terre di Officine Papage, si ride anche della tragedia:
A Bonassola domenica 28 luglio il ReaLear di Caterina Simonelli

Domenica 28 luglio ore 21.30 / piazza Bertamino – Bonassola (Ingresso libero)

IF Prana presenta

REALEAR

Ispirato a Re Lear di William Shakespeare

Di e con Caterina Simonelli

Regia Marta Richeldi

A Bonassola, domenica 28 luglio, arriva il ReaLear di Caterina Simonelli, attrice di straordinario coraggio e bravura. Il suo è un monologo pieno di gente che diventa una corsa senza fiato, in cui tutto si mescola inevitabilmente. Una riscrittura di Shakespeare in cui prepotente appare la realtà. “C’è un re, un vecchio e ci sono le figlie di questo re, di questo vecchio.” – racconta l’autrice e interprete dello spetatcolo (Miglior Attrice al Roma Fringe Festival 2017) – “Ci siamo noi, i figli, gli eredi bastardi. Noi i figli di un tempo che non è capace di parlare come sente. Ci sono parole che volano fra padri e figli, fratture mai più conciliate. Ho provato a scrivere come in una corsa la storia che ha piegato la mia famiglia. Un ‘correre via’ di parole perché a volte non riesco a fare altro. Poi c’è mio nonno che fa sempre e comunque quello che gli pare, perché mio nonno è così: ‘un ci si ragiona col mi’ nonno. È una tragedia!  Lo aveva detto Shakespeare giusto?! Per questo si ride, anche.”

“RealLear è un testo vitale, ironico, contraddittorio, sincero,” – dichiara la regista Marta Richeldi -“capace di creare un corto circuito esplosivo tra la storia contemporanea, autobiografica di Caterina e la grande storia del Re Lear di Shakespeare. Due epoche, due linguaggi: i personaggi del teatro e le persone della vita vera si specchiano, si riconoscono, affrontano lo stesso vuoto, le stesse contraddizioni, si aggrappano alla vita cercandone un perché o la lasciano andare stanchi di lottare. Caterina in scena è sola con un mare di parole: le scrive, le ‘re-cita’, le urla, le prende in giro. Ma queste parole non bastano, non bastano a dire l’amore, non bastano a riempire il vuoto dentro e intorno a noi, allora c’è la corsa, c’è il silenzio, ci sono il corpo e la musica, c’è il teatro e la possibilità di fermarsi per un istante, di incontrarsi, di riconoscersi in Shakespeare, nei grandi re, nei padri e nei figli di ogni epoca.”

Marta Richeldi – Nata a Venezia, si diploma presso la Scuola di Formazione per Attori del Teatro Stabile di Torino diretta da Luca Ronconi e in seguito frequenta il Corso per Attori Professionisti diretto dallo stesso per il Teatro di Roma. Frequenta inoltre numerosi seminari con maestri di rilievo internazionale quali Peter Stein, Eimuntas Nekrosius, Stanislas Nordey, Claude Coldy, Carlos Maria Alsina, Yasmina Reza e italiani come Marco Sciaccaluga, Federico Tiezzi, Serena Sinigaglia, Ra!aella Giordano, Danio Manfredini. Nel 1994 vince il premio come Miglior Attrice al concorso “Isabella comica gelosa”, in memoria di Lina Volonghi e nel 2013 è candidata come Miglior Attrice nella sezione Teatro Dramma del Premio Golden Graal. Con Luca Ronconi partecipa, interpretando ruoli di rilievo, a numerosi spettacoli. Collabora con numerosi teatri come il Teatro Stabile di Torino, il Teatro di Roma, il Teatro Stabile del Veneto, il Piccolo di Milano sotto la direzione fra gli altri di Federico Tiezzi, Franco Branciaroli, Armando Punzo, Massimo De Francovich, Giuseppe Emiliani, Roberto Guicciardini, Luca de Fusco, Arturo Cirillo, Carmelo Rifici. E’ interprete di testi d’autori del teatro classico e contemporaneo come Aristofane (“Gli Uccelli” Premio Ubu Miglior Spettacolo Miglior Regia), W.Shakespeare, B.Brecht, C.Goldoni, C.Gozzi, G.D’Annunzio L.Pirandello, H. von Ho!mansthal, A. Artaud , J. Pielmeier ecc. e interprete dei monologhi “Clitennestra per una notte” (da M.Yourcenar) e Women in Love (da W. Shakespeare) scritti e diretti da Giuseppe Emiliani. Diretta da Alessandro Gassmann interpreta la Regina Elisabetta nel Riccardo III di W. Shakespeare. Nel 2015/16 è fra le protagoniste de “Le donne gelose”di C.Goldoni al Piccolo Teatro di Milano con la regia di Giorgio Sangati. Nel 2017 è in scena con “Le baru!e chiozzotte” di C. Goldoni regia di Paolo Valerio, Teatro Stabile del Veneto. Lavora per il cinema con James Ivory e Lasse Hallstrom, per la televisione con Ugo Gregoretti e Andrea Porporati. Da alcuni anni all’attività di attrice a”anca con passione un’attività di formazione teatrale conducendo laboratori per insegnanti, ragazzi ed adulti nelle scuole pubbliche e private.


Caterina Simonelli –  Diplomatasi nel 2005 presso la Scuola del Piccolo Teatro di Milano diretta da Luca Ronconi, si forma con registi quali Lev Dodin, Anatolij Vassil’ev, Mamadou Dioume, Bruce Myers, Michele Abbondanza, Marco Baliani, Maria Consagra, Gianfranco De Bosio, Massimo De Francovich, Francesca Della

Monica, Federico Tiezzi. Terminata la scuola, lavora per un certo periodo in Scozia, nella compagnia internazionale Charioteer Theatre, diretta da Laura Pasetti. Come attrice viene diretta tra gli altri da Marco Baliani, Michela Lucenti, Bruce Myers, Luca Ronconi, Alfonso Santagata, Federico Tiezzi. Come aiuto regista a Robert Carsen, Giuseppina Carutti, Luca Ronconi, Andrée Ruth Shammah, Serena Sinigaglia. Nel 2006 scrive e dirige Schegge, ispirato a La valle bianca di Sirio Giannini, e vince il bando “Spazio per le Idee” (provincia di Lucca), mentre nel 2007 cura la regia di Visioni: sogno di una notte di mezza estate da William Shakespeare, coprodotto col Piccolo Teatro di Milano. Come attrice vince nel 2011 il “Premio Virginia Reiter”. Nel 2013 comincia a lavorare come attrice e regista per la compagnia IF Prana, con la quale produce: R…Esistere. 13 buoni motivi per rinunciare al suicidio (2013), vincitore del bando “Giovani in Scena” e In alto mare (2014), finalista di Scintille Festival Asti Teatro, Grow (2015), coproduzione con la Compagnia Lombardi-Tiezz. Come operatrice di IF Prana e della Lombardi-Tiezzi, dal 2011 conduce laboratori formativo-didattici per gli studenti degli istituti scolastici della Toscana, workshop pratici per adulti e training fisici per attori professionisti. Nella Stagione 2015/2016 ha interpretato Goneril nel Lear di Roberto Bacci, nuova produzione del Teatro Nazionale della Toscana.

INFO

Officine Papage – 339.8698181 info@officinepapage.it

nuoveterre.officinepapage.itPagina Facebook: Festival Nuove Terre

www.officinepapage.it

Ufficio stampa Marzia Spanu

Di Staff_ReteGenova

Check Also

Ritratto di famiglia in campagna

Ritratto di famiglia in campagna Il tempo ha lasciato la sua traccia su questa antica …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: