Danza da mattina a sera a Deiva Marina e l’Edipo di Michele Sinisi a Framura

Il festival “NUOVE TERRE Le Arti della Scena” di Officine Papage continua, tra Genova e La Spezia. Di scena la full immersion danzante del 22 agosto a Deiva Marina, con i raid in maschera ‘a sorpresa’ di CARLO MASSARI e le spettacolari metamorfosi dell’EOIKA di Vicari/Aloisio. Venerdì 23 agosto a Framura, il nuovo spettacolo di uno dei più profondi e intensi interpreti della scena contemporanea: MICHELE SINISI in EDIPO. Il corpo tragico (prima regionale).


Giovedì 22 agosto –  Da mattina a sera / Deiva Marina-  Ingresso Libero

La DANZA a Nuove Terre

Un’intera giornata dedicata alla danza, al movimento e al teatro fisico, al corpo che racconta, che incarna emozioni, che fornisce nuove prospettive per osservare la realtà. Chi siamo? Come siamo? Quale è la nostra immagine? Quella vera…

Location a sorpresa, durante l’intera giornata

C&C Company presenta A PESO MORTO

Spettacolo site specific- progetto di rete 3+2 in collaborazione con Concentrica a mare e Testimonianze Ricerca Azioni Festival. Creazione originale Carlo Massari / C&C Company. Con Carlo Massari. Maschere Lee Ellis

Carlo Massari, indossando le sue maschere, porterà in riva al mare i personaggi dello spettacolo A peso morto per figurare una trasformazione sociale, quello che da ieri a oggi è cambiato nei visi, negli sguardi, nei gesti, nei sogni della gente. Uno studio open-air sul vuoto, sul non ricordare perché eravamo lì e cosa ci eravamo venuti a fare, sul: “Boh…Quasi quasi tornerei a casa…Se solo mi ricordassi da dove sono venuto e dove stavo andando…” Lui, Lei, L’altro: fotogrammi di persone ormai senza tempo e identità, perduti nell’inutile e alquanto misteriosa nuova definizione di luogo, paese, città, che significa tutto e il suo contrario e che sprofonda nell’oblio. Caratteri e ruoli, una volta protagonisti, oggi disadattati, privi di una funzione, forse dimenticati: Eroi, Ré, Divinità caduti in disgrazia, che attendono malinconici e sognanti che qualcuno gli si avvicini per “attaccare bottone”, per sentirsi ancora importanti.

Piazza Bollo ore 21.30

Vicari/Aloisio presentano EOIKA di e con  Sabrina Vicari e Federica Aloisio. Musiche Angelo Sicurella. Costumi Sabrina Vicari (Consuendi). Luci Gabriele Gugliara

EOIKA – spettacolo finalista Intransito, premio Strabismi 2017 – è un progetto multidisciplinare fra arti visive e arti performative (teatro fisico, danza e ricerca musicale) una riflessione su cosa appare reale e su cosa è immagine effimera, in un continuo cortocircuito. Il corpo, la sua immagine, la sua percezione è il centro del lavoro. Un viaggio visionario attraverso giochi di illusione ottica che spiazzano e alterano la realtà percettiva. Le due danzatrici in scena illudono lo spettatore sulla completezza di un corpo, di una forma, di un’immagine: come falsificare le dimensioni reali di un corpo, come rattoppare il proprio volto con un nuovo artificiale ritratto, come quadruplicare un arto, come rimpicciolire il proprio corpo e ingigantire il volto. Come riuscire a far sembrare che il dietro è in realtà il davanti in una continua falsa illusione. E il cuore dove sta, davanti o dietro?


Venerdì 23 agosto ore 21.30 / Oratorio della Chiesa – località Costa Framura – Ingresso unico 5.00 euro

Elsinor – Festival delle Colline Torinesi / TPE 

EDIPO Il corpo tragico

Da Sofocle
Con Michele Sinisi e Federico Biancalani

Regia Michele Sinisi
collaborazione alla drammaturgia Francesco M. Asselta. Scene di Federico Biancalani

Quando Edipo, re di Tebe, chiede all’oracolo come sconfiggere la pestilenza che devasta la sua città, questi rivela che la causa della sciagura è l’uccisione impunita del precedente re di Tebe, Laio, di cui Edipo ha preso il posto e sposato la vedova. E, saputo che questi erano rispettivamente suo padre e sua madre, si acceca.

Un anziano con gli occhi tumefatti sta in scena di spalle mentre il pubblico entra. L’audio nello spazio annuncia le istruzioni necessarie per il viaggio che lo spettatore sta per fare. Gradualmente questo individuo libererà il suo corpo di tutto quello che indossa, i vari strati scopriranno a ritroso le fasi della sua storia. Un uomo in camice (Tiresia) l’aiuterà a liberarsi con più comodità dei segni del tempo, di tutto ciò che ha scoperto, del peso della conoscenza. Il piede infettato e gonfio, pian piano andrà a sgonfiarsi fino a svelare, così come per tutto il corpo, un’anatomia fisica glabra ancora senza tempo: un bambino su cui ci sarà la foratura della caviglia. Quel foro simbolo di Edipo. La scena di questo spettacolo è il corpo: le parole, gli intrecci, il coro e gli altri saranno arti, odori, posizioni e sguardi radicati e mappati sul fisico dell’attore. Uno spettacolo forte, intenso e profondo, ultima fatica di Michele Sinisi.


INFO

Officine Papage – 339.8698181 info@officinepapage.it

nuoveterre.officinepapage.itPagina Facebook: Festival Nuove Terre

www.officinepapage.it

Ufficio stampa Marzia Spanu

Related Images:

I commenti sono chiusi.