Messa in videoconferenza

Messa delle Palme online

Messa in videoconferenzaMessa delle Palme in videoconferenza

Per la prima volta a Fumeri (Mignanego – GE) è stata eseguita la messa per videoconferenza, la partecipazione è stata buona.
Ovviamente visto che è stata la prima volta si sono verificate delle problematiche ma di poco conto.

Comunque è stata una bella esperienza

la prossima domenica è la domenica di Pasqua e la Chiesa di Fumeri si adopererà per la messa sempre in videoconferenza.

La Messa della Pasqua in videoconferenza

L’indirizzo per collegarsi è il seguente: https://meet.jit.si/fumeri
funziona sia su computer che su smartphone Android o iOS (Apple), per questi ultimi è necessario scarica l’app Jitsi

La cosa che è piaciuta a tutti è che non è necessaria nessuna iscrizione o essere iscritti a nessun social network, è sufficiente raggiungere il collegamento.

La Messa in videoconferenza è differente dalla Messa online in quanto permette un maggior coinvolgimento.

Istruzioni

Visto che la sensibilità dei microfoni è data dall’apparecchiatura utilizzata e con anche il minimo fruscio può essere sentito dagli altri:

siete pregati di disattivare l’audio

e se volete potete attivarlo quando volete parlare.

Nello svolgimento si prega di fare il massimo silenzio, la migliore cosa è disattivare l’audio, potranno esserci degli interventi da parte di parrocchiali per le letture.

Sono agli inizi

Purtroppo la fase di emergenza che stiamo passando ci ha separato ma la nostra volontà e le tecnologie possono ancora unirci anche se a distanza.

Sono alle prime trasmissioni e ci possono essere tante cose da aggiustare, dunque accettano commenti e suggerimenti.

Una bellissima idea della comunità di Fumeri che permette a tutti noi di partecipare alle messe perché essere uniti da maggior forza per passare questi brutti momenti 

Un grazie a Don Antonio che ne ha permesso la realizzazione.

Don Antonio dice: abbiamo scelto la videoconferenza e non la trasmissione della Messa online perché ci piace un miglior coinvolgimento e la piattaforma Jitsi ci permette di rendere fattibile il progetto senza spesa. Nel tempo cercheremo di migliorare ma speriamo di non dover migliorare troppo anzi il meno possibile, ovvero che questa emergenza possa terminare nel più breve tempo possibile.

 

Di Staff_ReteGenova

Check Also

Emergenza coronavirus, il nostro pensiero va al settore florovivaistico

Euroflora 2018: Emergenza coronavirus, il nostro pensiero va al settore florovivaistico In questo momento di …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: