Cei: lettera ai Vescovi sulle tre fasi del Sinodo

Arcidiocesi: Cei: lettera ai Vescovi sulle tre fasi del Sinodo

La presidenza della CEI ha inviato una lettera ai vescovi italiani per aggiornare su quanto fatto finora nel cammino sinodale in attesa della sessione autunnale del Consiglio episcopale permanente (27-29 settembre) e dell’Assemblea Generale Straordinaria della Cei (22-25 novembre 2021).

Nella sessione straordinaria del Consiglio episcopale permanente dello scorso 9 luglio è stato tracciato, alla luce della Carta d’intenti presentata in Assemblea, un primo disegno del cammino.

Il sinodo si svolgerà in un percorso quadriennale, scandito da tre fasi correlate: narrativa, sapienziale e profetica.

Intanto, la Segreteria generale del Sinodo dei Vescovi ha diffuso il 7 settembre il Documento preparatorio e il Vademecum per orientare la XVI Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo. L’epoca che attraversiamo è colma di dolore e di grazia”, si legge nella lettera: “La crisi sanitaria ha svelato innumerevoli sofferenze ma anche enormi risorse. Le nostre comunità devono fare i conti con isolamento, disgregazione, emarginazioni e tensioni; la creatività che hanno espresso, ora messa alla prova dal perdurare della pandemia, racchiude un desiderio di relazioni profonde e rigeneranti”.

La prima fase “narrativa” del cammino sinodale è costituita da un biennio in cui verrà dato spazio all’ascolto e al racconto della vita delle persone, delle comunità e dei territori.

“Nel primo anno (2021-22) faremo nostre le proposte della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi per la XVI Assemblea Generale Ordinaria; nel secondo anno (2022-23) la consultazione del popolo di Dio si concentrerà su alcune priorità che saranno individuate dall’assemblea generale della Cei del maggio 2022”, si legge nella lettera.

La seconda fase “sapienziale” è rappresentata da un anno (2023-24) in cui le comunità, insieme ai loro pastori, “s’impegneranno in una lettura spirituale delle narrazioni emerse nel biennio precedente, cercando di discernere ‘ciò che lo Spirito dice alle Chiese’ attraverso il senso di fede del popolo di Dio”.

In questo esercizio saranno coinvolte le Commissioni episcopali e gli Uffici pastorali della Cei, le Istituzioni teologiche e culturali.

La terza fase “profetica” culminerà, nel 2025, in “un evento assembleare nazionale da definire insieme strada facendo”: “In questo con-venire verranno assunte alcune scelte evangeliche, che le nostre Chiese saranno chiamate a riconsegnare al popolo di Dio, incarnandole nella vita delle comunità nella seconda parte del decennio (2025-30)”.

I Convegni Ecclesiali di Verona e Firenze indicano il percorso da seguire, scrivono ancora i Vescovi. Il metodo è quello di “consultazione capillare” proposto dal Sinodo dei Vescovi, che prevede il coinvolgimento di parrocchie, operatori pastorali, associazioni e movimenti laicali, scuole e università, congregazioni religiose, gruppi di prossimità e di volontariato, ambienti di lavoro, luoghi di assistenza e di cura…

La CEI indica il metodo: “È fondamentale costituire gruppi sinodali diffusi sul territorio: non solo nelle strutture parrocchiali, ma anche nelle case e dovunque sia possibile incontrare e ascoltare persone”.

Nella prossima sessione autunnale (27-29 settembre), il Consiglio episcopale permanente nominerà un Comitato con il compito di promuovere, sostenere e accompagnare il cammino. All’inizio di ottobre saranno consegnate le prima linee per il cammino sinodale e alcuni suggerimenti metodologici.

Fonte: Arcidiocesi Liguria

Di Staff_ReteGenova

Vedi anche

Inaugurata a Bogliasco la scuola rinnovata: dopo un grande sforzo di riqualificazione energetica è a “energia quasi zero”

Inaugurata a Bogliasco la scuola rinnovata: dopo un grande sforzo di riqualificazione energetica è a …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: