Al via il 47° Trofeo Nico Sapio. Il DT Cesare Butini: “Appuntamento storicamente importante per la Nazionale”

Image

Al via il 47° Trofeo Nico Sapio.
Il DT Cesare Butini: “Appuntamento storicamente
importante per la Nazionale”

 

Sono partite questa mattina, con le prime serie caratterizzate dalla presenza di giovani con tempi interessanti, le gare della 47a edizione del Trofeo Nico Sapio, ospitato dal complesso natatorio di Piscine Sciorba di Genova con organizzazione a cura di Genova Nuoto e My Sport in collaborazione con la FIN e con il patrocinio di Regione Liguria (ente promotore) e Comune di Genova e il contributo del Dipartimento per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

 

E’ l’edizione dei record: sono le 91 società iscritte nelle categorie Juniores e Assoluti per un totale di 2023 presenze/gara (815 atleti) e impegnate oggi e domani, e 41 società per Esordienti A e Ragazzi con 982 presenze/gara (568 atleti) per il programma giovanile della domenica.   

“Vedo tanta concentrazione e tanta voglia di ben figurare da parte di tutti, finalmente il Trofeo Nico Sapio è tornato dopo l’annullamento dell’edizione 2020 imposto dalla pandemia – spiega Mara Sacchi, presidente del Genova Nuoto – L’organizzazione, quest’anno, è stata più difficile degli anni scorsi a seguito della necessità di rispettare tutti i protocolli di sicurezza e per questa ragione desidero ringraziare da subito tutto lo staff del Comitato Organizzatore che sta lavorando con massimo impegno e senza sosta”. 

“E’ un evento che ormai fa parte della nostra tradizione e segna l’inizio di una stagione importante come quella post olimpica caratterizzata da grandi risultati – afferma il DT Cesare Butini – il Trofeo Nico Sapio è un appuntamento importante per la Nazionale e va apprezzato l’impegno di Genova Nuoto e My Sport: è una grande risorsa perché gareggiare consente a tecnici e atleti di non vanificare i loro sforzi allenatori”

Oggi le finali inizieranno a partire dalle 16. Tra le sfide più interessanti del pomeriggio, Gabriele Detti (Rane Rosse/Esercito) se la vedrà con i fratelli Matteo (Carabinieri/GAM Team), al via anche nei 1500, e Michele Lamberti (Fiamme Gialle/GAM Team) nei 200 stile libero. Attenzione anche al confronto tra Manuel Frigo (Fiamme Oro/Team Veneto) e Ivano Vendrame (Esercito/Larus Nuoto) nei 50 stile libero. Francesca Fangio (Rane Rosse) è favorita nei 100 rana, Martina Caramignoli (Fiamme Oro/Aurelia Nuoto) nei 400 stile libero. Il pubblico di casa farà il tifo per Claudia Tarzia (Genova Nuoto/Esercito) nei 50 e 200 farfalla. 

La rappresentativa federale giovanile, in preparazione per i prossimi impegni internazionali, sarà a Genova con Elia Codardini (2004), Jacopo Nuca (2004), Francesco Lazzari (2004), Davide Maria Harabagio (2004), Francesco Fiore (2004), Francesca Zucca (2005), Giulia Vetrano (2005), Helena Musetti (2006), Anna Porcari (2006).

 

La rassegna natatoria della Sciorba, internazionale dal 1988 e inserito stabilmente nel calendario della LEN, registra a partire dal 2012 l’istituzione del Trofeo Alfredo Provenzali, assegnato all’atleta autore della migliore prestazione cronometrica assoluta, in ricordo di colui che di Nico Sapio è stato il degno erede e continuatore, grande cronista sportivo della RAI di Genova, assiduo frequentatore di questa manifestazione, voce indimenticabile dello sport in generale, ma soprattutto grande amico del nuoto e della pallanuoto. Dal 2019 si è aggiunta la Coppa Luigi Gardella, in memoria dello storico presidente del Genova Nuoto e ideatore del Trofeo Nico Sapio: è assegnata alla società vincitrice della classifica sommatoria Esordienti A e Ragazzi. 

 

LA STORIA

Quarantasette anni fa nasceva a Genova il TROFEO NICO SAPIO. Allora una piccola rassegna giovanile a carattere regionale, per ricordare la figura del cronista genovese tragicamente scomparso il 28 gennaio 1966 nella tragedia aerea di Brema, nella quale persero la vita anche sette nuotatori della Nazionale italiana dell’epoca e l’allenatore Paolo Costoli.

La tragedia di Brema rappresenta l’evento storico più tragico per il nuoto italiano, avvenuto 17 anni dopo l’altra cruenta disgrazia dello sport nazionale: la scomparsa dei calciatori del Torino nell’incidente di Superga.

Un triste evento, il cui ricordo è sempre vivo nonostante risalga a quarantotto anni fa. Ma fin dai primi tempi la sua rievocazione è stata legata sempre al ricordo degli atleti scomparsi, abbastanza spesso a quello dell’allenatore, quasi mai a quello del giornalista perito al loro seguito nell’esercizio delle sue funzioni professionali. Per colmare questa lacuna, indubbiamente involontaria ma altrettanto certamente ingiusta, otto anni dopo si è deciso, a Genova,  di intestargli una manifestazione.

In partenza si trattava di una rassegna giovanile a livello regionale, che veniva sottotitolata “criterium giovanile di nuoto”. Col tempo la manifestazione ha allargato i propri orizzonti a tutto il territorio nazionale e successivamente ha ulteriormente incrementato il proprio tasso tecnico, eliminando il limite superiore di età. Portata a livello assoluto, ha visto aumentare progressivamente l’interesse delle Società di ogni parte d’Italia, divenendo un appuntamento quasi obbligato nei programmi stagionali di molti club.

Nel 1988 il Trofeo Nico Sapio è diventato internazionale

 

Genova Nuoto My Sport | Ufficio Stampa
Marco Callai




Testo alternativo

Di Staff_ReteGenova

Vedi anche

2 febbraio 2022: S. Messa in Cattedrale per la Giornata della Vita Consacrata – DIRETTA STREAMING

Arcidiocesi: 2 febbraio 2022: S. Messa in Cattedrale per la Giornata della Vita Consacrata – …