“La mia RAI” di Vito Molinari

Museo Biblioteca dell’Attore: “La mia RAI” di Vito Molinari

Giovedì 12 maggio 2022, ore 17.00
al Museo Biblioteca dell’Attore
Via del Seminario 10, Genova, quarto piano
[per prenotazioni – 0105576085 – segreteria@cmba.it]

Eugenio Pallestrini
Vito Molinari e il Museo dell’Attore

Presentazione del volume
LA MIA RAI
di Vito Molinari
Edizioni Gammarò 2022

l’Autore dialoga con Marco Salotti

Vito Molinari è il regista che ha diretto la trasmissione inaugurale della televisione italiana, il 3 gennaio del 1954. Basterebbe questo per fare di lui uno dei padri fondatori della nostra televisione, per aver cambiato, da quel fatidico giorno, la nostra vita quotidiana, i nostri destini. […] Con il suo alto artigianato – che significa saper fare bene le cose, impegnarsi con coscienza professionale, dimostrare sempre uno spiccato senso del gusto – Molinari ha vissuto l’intera evoluzione della regia televisiva, dalle fasi pionieristiche alle sperimentazioni seriali. E la sua qualità si apprezza maggiormente oggi in un frangente storico in cui la regia televisiva è praticamente sparita, soffocata dalle rigide regole dei format e dalla sciatteria formale che attraversa quasi tutte le trasmissioni. (dalla prefazione di Aldo Grasso)

Vito Molinari è nato nel 1929 a Sestri Levante. Nel 1953 partecipa al periodo sperimentale della televisione: il 3 gennaio 1954 dirige la trasmissione inaugurale della TV. Da allora è stato regista e spesso coautore di oltre 2000 trasmissioni tv di generi vari. Oltre che in televisione e in radio Molinari è stato attivo in teatro: ha diretto una sessantina di operette, spettacoli di prosa e di rivista in molte città italiane. È stato condirettore con Maner Lualdi del Teatro Sant’Erasmo a Milano. Ha diretto trecento Cinebox e cinquecento Caroselli (Carosello d’oro per Orologi Longines). Ha diretto collane di dischi di operette per Meazzi (1960); Ha scritto: TuttoGovi in collaborazione con Mauro Manciotti. (Marietti, 1990); Le mie grandi soubrettes; I miei grandi comici (Gremese 2018). Presso Gammarò ha pubblicato La Rita Smeralda, il suo primo volume di racconti (2018), Carosello… e poi tutti a nanna (2019), Paolo Fregoso, genovese (2020); Vite maledette: autobiografie apocrife (2020).

 

 

Fonte: Museo Biblioteca dell’Attore

Di Staff_ReteGenova

Vedi anche

Vittorio Gassman. Una voce, cento volti

Palazzo Ducale: Vittorio Gassman. Una voce, cento volti Rassegna cinematografica, dal 7 luglio al 19 …